REXFROG

Oggi, molti ritengono lo Stato Sovrano, la difesa dei sui confini, delle sue aziende, delle sue infrastrutture e della sua bandiera un anacronismo.

La moderna filosofia post-industriale, espressa dalla globalizzazione selvaggia, è il “nuovo pensiero democratico” che ci porterà ( felici e App-dipendenti ) alla Nazione Unica….al dominio delle multinazionali, alla fine della privacy e delle libertà; la vita sarà scandita da un algoritmo. Se non sarà la fine del genere umano, sarà la fine dell’umanità!

 

Un bel giorno una rana, presa dal suo bel laghetto, viene immersa in una pentola di acqua fresca, col fuoco acceso; la temperatura bassa le piace, a tal punto da farsi una lunga nuotata; col passare dei minuti, l’anfibio inizia a percepire un tepore gradevole, tanto da rilassarsi fino a dormire di gran gusto; il risveglio, a dirla tutta, non è dei più dolci perché la temperatura inizia a farsi scottante ma per pigrizia la rana decide di godersi il più possibile questo break in “piscina” (in fondo a chi non piace un bel bagno termale!?); nel momento in cui la raganella inizia ad ustionarsi, però, realizza la necessità di uscire dalla pentola ma, nel frattempo, si è già fortemente indebolita, al punto da non riuscire quasi più a muoversi.
La sorte finale, purtroppo per il povero animale, è inevitabilmente quella di finire “fervida” (bollitanell’acqua rovente.

Un profondo cambiamento è in atto e le alternative, così come per la rana nella pentola, sono solo due: reagire con prontezza e salvarsi oppure crogiolarsi e soccombere.

 

Romano Pisciotti ( commento):

Ho paura che non sia più la mia terra: non parlo del ricordo degli eroi o delle rime dei poeti, delle officine di passioni o dei campi di speranza.

Non scomodo la storia, il pensiero operoso di capitani d’industria o le capaci mani callose di chi ha, per tante volte, costruito e ricostruito questo Paese: reclamo il coraggio di un popolo, che non può perdersi nelle chiacchiere di politici malsani; il futuro della gente non può stare appeso ai sogni della finanza speculativa, tanto meno alla paura d’incubi mostruosi di aride zolle.

Si è fatto scempio delle arti e gettato la bellezza, l’orgoglio, la logica e l’onore inseguendo meccaniche futuristiche di vuote teorie globali.

 

La democrazia è in pericolo nel mondo e le ragioni sono abbastanza semplici: vi sono in gioco forze sovranazionali globalizzate (banche, multinazionali, ecc.) che, spesso, sono molto più potenti dei singoli Stati; questi Stati sono impotenti o sono governati da collusi con queste forze.

Viviamo in un mondo globalizzato con precise e spesso assurde regole di mercato e di commercio, che sta smantellando lo “Stato sociale” purtroppo i nostri lavoratori e imprese sono messe in concorrenza con quelle di altri paesi, provocando la deindustrializzazione dei paesi più ricchi.

Nella globalizzazione vi sono dei vincitori e dei vinti: chi ci sta apparentemente guadagnando sono le classi medie dei paesi asiatici, sulle quali la globalizzazione sta facendo leva, chi ci sta perdendo sono le classi medie dei paesi democratici occidentali…presto i destini potrebbero unificarsi…

…o si potrà fermare questa globalizzazione sfrenata?

 

LINK:

ROMANO PISCIOTTI

 

Romano Pisciotti
Romano Pisciotti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *