Le raccomandate non consegnate

Indagine dell’Antitrust su Poste Italiane per le raccomandate non consegnate. È stata avviata un’istruttoria per accertare la presunta pratica commerciale scorretta.

L’ipotesi è che, invece di consegnare la raccomandata, i postini non verifichino la reale presenza del destinatario, ma lascino direttamente nella casella l’avviso di giacenza. Poste rischia una sanzione massima da 5 milioni di euro.

Martedì 26 novembre, i funzionari dell’Autorità per la concorrenza e il Nucleo Speciale Antitrust della Guardia di Finanza hanno ispezionato gli uffici del Gruppo. L’operazione è partita dopo l’avvio dell’istruttoria “per accertare una presunta pratica commerciale scorretta, posta in essere nell’ambito del servizio di recapito della corrispondenza e, in particolare, delle raccomandate”.

https://www.money.it/Poste-l-Antitrust-indaga-sulle-raccomandate-non-consegnate?fbclid=IwAR1qudRY2OTqOuu3C_5Uup2ySlGss7ZxRteVpbiCnve4VvnUZa5lXhho7jg

Romano Pisciotti: quella di non accertare la presenza del destinatario è una prassi che ho potuto constatare.

Un commento su “Le raccomandate non consegnate”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *